bendaggio-funzionale

Il bendaggio funzionale è una tecnica di immobilizzazione parziale volta a ridurre i tempi di guarigione rispetto alle metodiche di immobilizzazione tradizionali. Un’articolazione viene messa in scarico e protetta soltanto nella direzione di movimento dolorosa o patologica. Tale tecnica fu messa a punto e introdotta in fisioterapia negli anni 60 da un gruppo di ricercatori americani. Si ottiene attraverso l’applicazione mirata di bende e cerotti adesivi.

Le bende utilizzate si distinguono per le misure (cm 6-8-10) o per il loro grado di estensibilità. Alcune bende sono elastiche in larghezza, altre in lunghezza, altre ancora in entrambe le direzioni e vengono impiegate a seconda delle indicazioni. Il cerotto o tape anaelastico viene utilizzato per bloccare l’articolazione nelle direzioni desiderate.

COME VIENE APPLICATO

  1. Preparazione della cute in modo adeguato: detersione, depilazione, sgrassamento (etere, alcol …)
  2. Utilizzare eventualmente salvapelle o bende adesive
  3. Usare cerotti anallergici larghi da 3 a 5 cm ben aderenti alla pelle, senza pieghe; non devono essere applicati circolarmente in modo completo per non determinare ostruzione emo-linfatica e, quindi, edemi da stasi
  4. Disposizione più rappresentata (più strisce) sul lato da proteggere
  5. Articolazione predisposta in modo funzionale: per distorsione tibio-tarsica: caviglia a 90°con l’asse della gamba; per ginocchio: blocco inversamente proporzionale al grado di flessione
  6. Mantenimento del bendaggio da 2 a 10 giorni (se possibile istruire il paziente su come ripetere il bendaggio)

Indicazioni

  • Prevenzione distorsioni articolari (caviglia, ginocchio)
  • Distorsioni (sofferenze meniscali, lesioni legamentose)
  • Postumi distorsivi
  • Instabilità capsulo-legamentosa
  • Protezione inserzioni tendinee
  • Scarico muscolare

Controindicazioni

  • Malattie cutanee (ferite aperte, eczemi, infezioni)
  • Allergie al collante del cerotto (uso di salvapelle o bende adesive)
  • Patologie vascolari (varici, fragilità capillare)